Focus Piezochirurgia maxillo-facciale custome made.

Pubblicato il 06/11/2018

Le nuove tecniche e le nuove tecnologie che oggi consentono minore invasività, strumenti ad alta precisione, meno traumatismi per il paziente al quale può venire così risparmiato il ricorso a sostituzioni dell’osso facciale danneggiato. Questa evoluzione oggi è consentita dalla piezochirurgia (piezo viene dal greco πιέζειν, premere, comprimere) che cambia il concetto classico della rotazione di uno strumento che taglia e lo innova con un’azione diversa......Cosa significa piezochirurgia, perché si chiama così, cosa fa?......Per quali patologie la piezochirurgia è di elezione ? (deformità del volto congenite e acquisite, neoplasie benigne e maligne del cavo orale e del distretto maxillo-facciale con particolare riferimento alla patologia delle ghiandole salivari, riabilitazioni dovute alla perdita degli elementi dentari. lesioni traumatiche del massiccio facciale, patologie dei seni paranasali (sinusiti, poliposi, corpi estranei) trattate con chirurgia endoscopica mininvasiva, chirurgia orbito palpebrale)......Come sono fatti gli strumenti della piezochirurgia maxillo-facciale?....(continua) (apri il video) Focus con dott. Giovanni Giorgetti , chirurgo maxillo-facciale C. di Cura Salus Battipaglia. 

Vedi il video….